You Are Here: Home » Diritti umani » Georgiann Davis – video intervista – The Interface Project

Georgiann Davis – video intervista – The Interface Project

INTERSEXIONI

sostiene e promuove

The Interface Project 

     progetto che raccoglie e condivide storie di vita e testimonianze di persone con tratti intersex       (o con differenze nello sviluppo sessuale) con l’obiettivo di diffondere il messaggio secondo cui:

 No Body Is Shameful!

Nessuno corpo è indegno!

Traduzione, adattamento ed editing di questa video-intervista sono stati resi possibili grazie al progetto di ricerca post-dottorato Marie Skłodowska Curie actions <INTERSEXIONS> n.627162 (FP7-PEOPLE-2013-IOF) di Michela Balocchi e all’Intersex Human Rights Fund di Astraea Lesbian Foundation for Justice.

La video-intervista di Georgiann Davis, PhD

Qui gli altri video che abbiamo tradotto e sottotitolato in Italiano finora

Maggiori informazioni su Georgiann Davis qui.

Qui lo script originale in inglese.

Di seguito il testo dell’intervista tradotto e adattato in Italiano da Eleonora Briscoe, editor Michela Balocchi, PhD.

Quando ero una ragazzina non sapevo di avere la sindrome da insensibilità completa agli androgeni (CAIS) e non lo sapevano neanche i miei genitori. 

Ecco una nostra foto! 

Sono venuta carina! Ops, quella sono io! Cavolo, quanto sono venuta graziosa! Vero?

Non ci siamo accorti della sindrome da insensibilità completa agli androgeni fino ai miei 13 o 14 anni quando sono iniziati i dolori addominali. Hanno detto ai miei genitori che avevo la CAIS, ma a me non l’hanno detto. Anni dopo mi sono sottoposta a un intervento per rimuovere i testicoli ritenuti nell’addome. Non mi è stato detto cosa stavano davvero rimuovendo ma piuttosto che avevo il cancro.

Salto in avanti, ottengo le mie cartelle cliniche e così ho visto che avevo la CAIS il che significa che avevo cromosomi sessuali XY.

Ero alquanto scioccata!

Più o meno così.  Insomma la questione mi faceva sentire a disagio, così ho gettato i miei referti nella spazzatura perché non volevo parlarne mai più.

Ma poi, qualche anno dopo ero ad una lezione di dottorato in sociologia femminista, stavo leggendo roba molto figa di gente molto figa e ho pensato: “Wow! Mi interessa un sacco!” Mi sono detta: “E io che stavo buttando i miei referti nella spazzatura!”. Perché non  volevo parlarne mai più. Così ho pensato, sai che c’è? Avventuriamoci fuori dalla spazzatura e pensiamo a come posso accordare il mio vissuto in materia coi miei interessi professionali. Ed è quello che ho fatto.

Quindi ne ho parlato prima di tutto alla mia tutor di dottorato. Eccola qui! (ignorate la mia acconciatura, al tempo non ci davo peso). E mi mise in guardia, mi disse: “Sai, Georgiann… se la tua tesi sarà su questo tema, diverrà tutto di pubblico dominio. Ti sta bene così?”.

E io ero tipo: “Uh?” 

Così ho deciso di tastare il terreno scrivendo per il corso un saggio sulle condizioni intersex e quando all’inizio l’ho condiviso con i miei amici dottorandi (questi sono i miei amici dottorandi) mi hanno appoggiata appieno!

Così mi sono detta: “Sai che c’è? Voglio farlo!” E così ho fatto. Ho iniziato la mia ricerca, e indovina? E’ stato incredibilmente liberatorio!

Comunque… Non sei solo, ok? E se ti senti anormale, se ti senti fuori posto, va tutto bene, penso che un mucchio di gente si senta così per tante altre ragioni, e ci sono passata anch’io, ma guardami adesso! A distanza di anni sono professore associato in sociologia in un’università statale. Mi manca ancora questo ma se tutto va bene manca poco!

Ho dimenticato una delle cose più importanti che mi sarei dovuta ricordare! Ah, cosa ho che non va?! Questo è il mio bulldog francese, Penny, noto anche come ‘Boobaschnookles’. 

E così non sei solo, hai me, hai Boobaschnookles, e sono certa che hai un mucchio di altre persone dalla tua parte, nella tua vita, proprio come le ho avute io, quindi ti faccio i miei migliori auguri, contattami se ne hai bisogno e ricorda:

“No body is shameful”

The Interface Project_titolo_loghi

The Interface Project.03

About The Author

intersexioni
Number of Entries : 256

Comments (1)

  • Eleonora

    È propio vero tutti abbiamo qualcosa che ci metteun po a disagio e piano piano crescendoci insieme anche come genitori ti rendiconto che a tuo figlio devi insegnare che questa sarà una delle tante e soprattutto niente di cui vergognarsi grazie a tutt*
    Un grande abbraccio Eleonora e Lorenzo

    Rispondi

Leave a Comment

intersexioni - info@intersexioni.it

Scroll to top

Sito web by: Koris web agency