You Are Here: Home » Genitorialit√† e famiglie » I bambini stanno bene

I bambini stanno bene

Comunicato stampa del 28 febbraio 2014, Verona

Dall’aprile 2012 presso l’Università degli Studi di Verona opera Politesse РPolitiche e Teorie della Sessualità, il primo Centro di ricerca interdisciplinare dedicato allo studio dei fenomeni della sessualità umana e alla promozione dei diritti delle minoranze sessuali presente nell’Accademia italiana.

Il Team di ricerca del Centro ha appreso con preoccupazione delle richieste, pervenute al sindaco di Trento e ai servizi sociali della stessa città, di effettuare controlli mirati sulle famiglie omogenitoriali, che avrebbero effetti deleteri prima di tutto sui bambini di quelle famiglie. A nome di tutto il centro di ricerca, con il contributo in particolare di chi al suo interno si occupa dello studio dei fenomeni familiari, diffonde pertanto il seguente comunicato stampa:

Essere omosessuale non ha alcuna implicazione negativa rispetto alla competenza genitoriale, e nascere e crescere in una coppia omogenitoriale non costituisce in nessun modo un ostacolo a uno sviluppo completo, adeguato e sereno di bambini e adolescenti. Questo è quanto la ricerca scientifica internazionale ha dimostrato in modo netto fino ad oggi (per una rassegna in italiano di 30 anni di ricerche a livello mondiale basta sfogliare il recente numero monografico della rivista di psicologia e salute materno-infantile Infanzia e Adolescenza, dedicato al tema).

L‚Äôunico ostacolo in¬†pi√Ļ che bambini e ragazzi di coppie non eterosessuali si trovano a dover affrontare √® costituito¬†dall‚Äôessere fatti oggetto di discriminazione e di pregiudizio, e l‚Äôordine del giorno posto in votazione¬†al Comune di Trento ne costituisce un esempio lampante.

La richiesta di verifica ai servizi sociali è

un atto privo di fondamento, basato su pregiudizi e sulla non conoscenza della tematica, oltre che su una preoccupante propensione a calpestare la potestà genitoriale e la libertà di tutti i nuclei familiari di costituire, ciascuno con le proprie caratteristiche, un luogo di crescita, di educazione, di cura.

Non si possono tacere, inoltre, i diversi problemi di natura giuridica posti dal testo. Alcuni esempi:

a quale titolo e su quale mandato i servizi sociali territoriali possono fare indagini sulle condizioni¬†ambientali di crescita dei minori che vivono in famiglie omogenitoriali? A quale ‚Äúillegalit√†‚ÄĚ si fa¬†riferimento? Come giustificare un eventuale provvedimento di allontanamento di un minore ai sensi¬†dell‚Äôart. 403 del Codice Civile, a firma del sindaco, basato sulla motivazione che gli adulti che si¬†prendono cura del bambino sono omosessuali?

Oltre ai profili di irregolarità che questo atto presenta, appare infine fuori luogo configurare in questa direzione il ruolo degli assistenti sociali che operano quotidianamente, nonostante la scarsità di risorse disponibili, nella tutela dei minori che sono realmente da proteggere perché vittime di negligenza, abbandono e maltrattamento: condizioni che sappiamo verificarsi nei nuclei familiari indipendentemente dall’orientamento sessuale dei genitori.

Chiara Sità, Ricercatrice in Pedagogia generale e sociale,
e tutto il Team del Centro di Ricerca Politesse, Università di Verona

 

About The Author

intersexioni
Number of Entries : 288

intersexioni - info@intersexioni.it

Scroll to top

Sito web by: Koris web agency