You Are Here: Home » Senza categoria » Manichini “disabili” ci ricordano che bello non vuol dire “perfetto”

Manichini “disabili” ci ricordano che bello non vuol dire “perfetto”

Traduzione di Elena Gallina

L’articolo originale è in Huffington Post

Non √® una novit√† che i liscissimi corpi di plastica che guardano fisso fuori dalle vetrine non siano repliche fedeli della gente che restituisce il loro sguardo. Ma non c’√® nessuna ragione per cui non debbano esserlo.

Pro Infirmis, un’organizzazione per disabili, ha creato una serie di manichini basati su persone reali con disabilit√† fisiche, con la collaborazione di persone come Jasmine Rechsteiner, vincitrice di Miss Handicap, con malformazioni spinali, e Erwin Aljukińá, attore, affetto da osteogenesi imperfetta. Titolo del progetto:¬†“Because Who Is Perfect? Get Closer” (Perch√© chi √® perfetto? Vieni pi√Ļ vicino).

Lo splendido procedimento è documentato in un video, in cui è racchiusa la gioia dei modelli nel vedere le loro figure uniche riprodotte per la prima volta.

Ma l’aspetto migliore di tutto questo √® che i manichini sono stati davvero esposti in vetrina, a popolare le facciate dei negozi su Bahnhofstrasse, la via principale di Zurigo, in onore della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilit√† (3 dicembre).

“Vederli l√¨ davvero √® scioccante”, ha dichiarato uno dei partecipanti al video. Ed √® esattamente questo il punto. Diffondere la consapevolezza sulle disabilit√†, soprattutto nella moda, √® un discorso gi√† iniziato da gruppi quali Models of Diversity, il cui scopo √® quello di portare sulle passerelle e nei media modelli di tutte le forme, taglie e colori.

Testimoni come Kelly Knox, vincitrice del concorso “Britain’s Missing Top Model” della BBC, e Angela Rockwood, tornata alla sua carriera di modella grazie a una campagna di Nordstrom dopo essere diventata quadriplegica, hanno fatto sentire la loro voce.

Alcuni negozi hanno fatto sforzi combinati per includere le diversit√† fisiche, comprese quelle della disabilit√†, nelle loro campagne pubblicitarie.¬†Nordstrom lo sta facendo fin dal 1991, mentre Debenhams, il grande magazzino britannico, √® balzato agli onori della cronaca quest’anno per un¬†catalogo Primavera 2013in cui compariva una modella amputata.

La strada √® ancora in salita per rendere i manichini nelle nostre vetrine uguali ai clienti che passano in strada. Ma “Because Who Is Perfect? Get Closer” e i negozi svizzeri che hanno partecipato all’iniziativa dimostrano che si pu√≤ fare.

 

About The Author

intersexioni
Number of Entries : 286

intersexioni - info@intersexioni.it

Scroll to top

Sito web by: Koris web agency