You Are Here: Home » Identit√† di genere; transgender; gender non conform » Dell’uso dei bloccanti della pubert√† sugli adolescenti con varianza di genere: il dibattito dopo i fatti di Firenze

Dell’uso dei bloccanti della pubert√† sugli adolescenti con varianza di genere: il dibattito dopo i fatti di Firenze

di Egon Botteghi

Il 22 Ottobre 2013 si √® svolto, presso l’auditorium della regione Toscana, il corso “Rete Toscana per l’accoglienza e l’assistenza alla disforia di genere“, inserito nel programma aziendale di formazione¬†2013, a seguito del quale √® uscito l’articolo del Corriere Fiorentino “Cambio di sesso, proposta choc: ¬ęBlocchiamo la pubert√† e indirizziamola¬Ľ”.

A questo pezzo hanno fatto eco altri di varie testate giornalistiche che hanno dato avvio ad un dibattito sull’opportunit√† o meno di introdurre in Italia l’uso di ‚Äúbloccanti della pubert√†‚ÄĚ su minori con varianze di identit√† di genere, come gi√† avviene in altri paesi europei come Inghilterra ed Olanda (ad esempio questo sul Fatto Quotidiano).

Controradio di Firenze ha intervistato sull’argomento la Dottoressa Alba Tonarti, neuropsichiatra infantile, che si occupa da molti anni di giovani con queste specificit√† a Roma (qui l’audio dell’intervista).

transgender_symbol_classicEssendo stato invitato al convegno internazionale dell’Osservatorio Nazionale Identit√† di Genere (ONIG), svoltosi venerd√¨ e sabato scorsi a Napoli (25-26 Ottobre 2013) a cui il centro CIADIG dell’ospedale Careggi afferisce, ho approfittato della presenza di alcuni dei protagonisti della vicenda per avere dei chiarimenti.

Il primo giorno ho domandato, a latere del convegno, a due degli psicologi dello staff di uno dei centri toscani che si occupano di disforia di genere, come fossero andate veramente le cose.

Mi √® stato risposto che c’√® stato un travisamento da parte degli organi di stampa della discussione avvenuta all’interno del corso.
Il documento di richiesta pervenuto all’assessore della sanit√† regionale riguarderebbe infatti solo la creazione di una lista unica per le operazioni di riassegnazione del sesso per gli adulti facenti richiesta ed una omologazione delle pratiche in tutti i centri toscani che si occupano di DIG (disforia di genere).
La questione dei minori era stata sollevata da un intervento del professor Dettore, professore associato di psicologia clinica all’universit√† di Firenze, che aveva dato avvio ad una discussione interna, ma non riguardava le richieste all’ordine del giorno per quel documento.

Il secondo giorno del convegno dell’ONIG era appunto dedicato ad una tavola rotonda sui ‚ÄúMinori con sviluppo dell’identit√† di genere atipica‚ÄĚ, dove √® stato presentato il lavoro dei cinque centri Onig che in Italia si occupano di minori con DIG ( Bologna, Firenze, Napoli, Roma e Torino), al termine del quale, durante il dibattito, ho chiesto espressamente cosa ci fosse di veritiero in quello che i giornali avevano divulgato riguardo alla vicenda fiorentina.

Mi è stato risposto ufficialmente dalla Dottoressa Alessandra Fischer, endocrinologa del Ciadig di Firenze, la quale ha affermato che:

il documento di richiesta all’assessorato sanit√† della Regione Toscana riguarda unicamente l’istituzione di una lista unica per le operazioni di riassegnazione del sesso;

la richiesta dell’uso dei gnrh agonisti (bloccanti della pubert√†) era gi√† stata fatta dal Dottor Maggi all’ordine dei medici Firenze nel Maggio scorso, nello spirito di rendere anche questi esenti come lo sono, nella regione Toscana, gli ormoni cross-sex per gli adulti;

la richiesta di bloccanti della pubert√†, a cui quindi potrebbero accedere gratuitamente i richiedenti, riguarda solo gli adolescenti e mai i bambini (la distinzione di trattamento e la necessit√† di tenere separati le categorie ‚Äúbambino‚ÄĚ ed ‚Äúadolescente‚ÄĚ era venuta fuori in tutte le presentazioni di tutti i centri per minori dell’Onig presentati nella giornata);

√® stata presa la decisione di non fare pi√Ļ dichiarazioni ai giornalisti ed √® stato diffuso il mercoled√¨ mattina 23 Ottobre un comunicato stampa dall’azienda ospedaliera Careggi in cui si spiegavano i termini della questione (comunicato che per√≤ io non sono riuscito a rintracciare..).

Di seguito prende la parola il professor Davide Dettore, volendo chiarire ufficialmente la sua posizione: nell’articolo del Corriere Fiorentino, da cui la polemica ha preso avvio, sono infatti riportate sue parole in cui invita alla cautela nell’uso di questi farmaci. In questa sede tiene invece ad affermare il suo accordo sull’uso dei bloccanti della pubert√† per quegli adolescenti che abbiano certe caratteristiche (nei bambini, come in precedenza affermato dalla dottoressa Fischer, l’intervento proposto √® solo di natura psicologica).
Ammette per√≤ che di questi farmaci, nonostante l’esperienza negli altri paesi, non si conoscano tutte le implicazioni e le eventuali controindicazioni, ad esempio sul cervello in crescita.
Infatti ci potrebbe essere la possibilità che il bloccante della pubertà blocchi anche quella fase della mascolinizzazione cerebrale che avviene in pubertà, allungando i tempi della disforia percepita.
Nel caso in cui il farmaco dovesse impedire l’andrologizzazione del cervello, potrebbe essere causa del persistere della DIG.

Alla fine del dibattito interviene anche la dottoressa Adriana Godano, endocrinologa che si occupa da molti anni di persone transessuali a Torino, che lamenta la mancanza, nelle
pubblicazioni scientifiche, di articoli e risultati intorno a questi bloccanti della pubertà, nonostante appunto siano usati già da quindici anni in altri paesi europei.

Torna a rispondere la dottoressa Fischer, chiarendo che esiste uno studio sull’impatto della densit√† ossea di questi farmaci, che paiono non dare problemi agli adolescenti che ne fanno uso, ma niente sulle possibili correlazioni con lo sviluppo cerebrale.

Il dibattito rimane aperto. In assenza di studi sugli effetti a livello celebrale di questi farmaci,¬†sar√† necessario¬†effettuarli¬†prima di¬†introdurne l’uso nel nostro paese?¬†Verr√† fatta¬†quindi della sperimentazione qui in Italia?

Per un ulteriore approfondimento di Egon Botteghi sull’argomento, si rimanda a questo articolo su anguane

About The Author

intersexioni
Number of Entries : 288

intersexioni - info@intersexioni.it

Scroll to top

Sito web by: Koris web agency